Progetto Vigneto

La mission: riqualificazione sociale e territoriale del vitigno autoctono Guardavalle.

Progetto Vigneto

Il progetto

Questo progetto nasce nel 2015 al mare, da una sfida lanciata per gioco tra due amici e colleghi Daniele Manini, agronomo, maestro di cantina in una delle aziende vitivinicole più antiche d’Italia, I Doria di Montalto Pavese, e Francesco Quaranta, agronomo, esperto di agricoltura biologica e sostenibile. 

La sfida: individuati alcuni ceppi del vitigno Guardavalle sul territorio di Guardavalle, verificare le sue qualità nella vinificazione e, soprattutto, nella spumantizzazione. 

Grazie anche alla collaborazione di Cosimo Murace, viticoltore eroico della zona di Bivongi, che ha selezionato e messo in produzione alcune viti, siamo riusciti ad avviare la vinificazione.

Il nostro obiettivo è proteggere e valorizzare un legame antico, quello tra il territorio di Guardavalle ed il vitigno che porta lo stesso nome.

Le sue origini sono dense di mistero, alcuni le associano al Greco ed al Mantonico bianco, una cosa è certa: il vitigno Guardavalle ha una storia antica che, ad oggi, si può percepire in ogni sorso.

Ci siamo presi cura del prodotto di poche piante e, ad oggi, abbiamo prodotto un vino denso di tradizione: il vino bianco di Guardavalle ed il vino spumante metodo classico Brut De. C. O. .

La riqualificazione ambientale, sociale ed economica di questo territorio, con una lunga e natica storia e tradizione vitivinicola,  punta a rilanciare questa coltura e supportare quanti vogliono investire in questo settore. Ogni contributo rende la meta più vicina.

Adotta una vite

In che modo si può partecipare?

E’ semplice:

– con un piccolo di contributo di 50,00 euro per sostenere il progetto generale, ricevendo subito in una bottiglia di vino Guardavalle fermo e una di vino spumante Guardavalle e una bottiglia di vino Guardavalle fermo e una di vino spumante Guardavalle fra un anno. Clicca qui per versare il tuo contributo.

– comunicando l’interesse a partecipare come finanziatore diretto al progetto con il quale si parteciperà al progetto come soci finanziatori, il cui valore delle quote sottoscritte rimane di proprietà del finanziatore e si avrà diritto alle premialità per come verranno definite prima di dare seguito alla sottoscrizione.

Grazie al sostegno di amici e sostenitori anche di posti lontani, durante la campagna avviata prima del Covid siamo riusciti a raccogliere poco più di 5.000,00 euro, pochi per realizzare i due ettari di vigneto programmati (per fare un ettaro servono ca. 25.000,00 euro), ma grazie a questo prezioso aiuto siamo riusciti a portare avanti il progetto di studio sul vitigno e sulla sua vinificazione e contestuale promozione. Le ca. 10000 bottiglie di vino e spumante prodotte all’anno ci hanno permesso di far conoscere questo progetto e la qualità del vino a tanti, dal semplice amante di vini, a chef e esperti anche di livello internazionale, con apprezzamenti molto positivi e incoraggianti. Insomma, questo progetto ha tutte le carte in regola per continuare la sua strada e far rinascere nel territorio di Guardavalle e comuni limitrofi una viticoltura di qualità.

Conclusa anche la fase di mappatura genetica del vitigno utilizzato per la produzione del vino Guardavalle di Guardavalle De.Co. che conferma si tratti di vitigno Guardavalle, è nostra intenzione procedere con il progetto e fare in modo che si possa realizzare anche una cantina in grado di completare le operazioni di vinificazione e spumantizzazione sul territorio. Insomma, puntiamo ad un progetto autosostenibile, che preveda appunto una cantina moderna per fare vino di alta qualità, da mettere a disposizione della collettività e di quanti lavorare le loro uve in un regime di qualità. Puntiamo anche a realizzare almeno 10 ettari di vigneto per rendere economicamente  sostenibile la stessa cantina e il progetto stesso. Per fare questo servono però risorse economiche per ca. 1 mln di euro.

Come raggiungere questo obiettivo?

Abbiamo ricevuto diverse manifestazioni di interesse da parte di persone che vogliono investire attivamente in questo progetto e di altri che vorrebbero mettere a disposizione i loro terreni. Per questo stiamo pensando ad avviare una nuova campagna di raccolta fondi, ma utilizzando lo strumento dell’equity crowdfunding. Attività di raccolta fondi che anche in questo periodo riscuote molto successo in quanto aumenta sempre di più la ricerca di investimenti a finalità etica/ambientale/sociale, per i quali viene riconosciuta una detraibilità fiscale che arriva al 30%.

Ringraziando ancora quanti ci hanno sostenuto, acquistando le quote da 50,00 euro, che prevedevano come premio una bottiglia di vino fermo e una di spumante all’anno e per 5 anni a partire dal terzo anno dell’impianto. Non essendo però ancora riusciti a realizzare il vigneto, chi ha preso le quote può richiedere adesso le bottiglie di vino e spumante per il valore delle quote acquistate (2 bottiglie di spumante e una di vino fermo), oppure, tenere le quote in attesa della realizzazione del vigneto mantenendo la premialità iniziale.

Comunicaci adesso il tuo interesse, questo ci aiuterà ad impostare meglio la prossima campagna. Grazie

Contribuisci sostenendo il nostro progetto donando ora

Se sei un appassionato di vini e hai sempre voluto avere una tua personale porzione di vigna, potrai finalmente realizzare il tuo sogno!

Carrello
Torna su